Vorige pagina

La collezione di piante dell’Hortus Leiden annovera circa 20.000 specie diverse. L’attenzione è rivolta soprattutto alle piante del Sud Est Asiatico. Con circa 4500 specie, l’Hortus possiede la più grande collezione di orchidee dell’Olanda.

Collezione

Bulbi speciali

La maggior parte dei visitatori ha familiarità con i narcisi e i tulipani. In primavera l’Hortus mostra sempre volentieri queste piante a causa del suo legame con il primo prefetto Carolus Clusius, che coltivò per la prima volta i tulipani in Olanda. In realtà esistono molti altri tipi di bulbi meno noti, ma non per questo meno interessanti. Negli ultimi anni nei giardini dell’Hortus sono stati piantati migliaia di bulbi, tuberi e rizomi particolari e a rischio di estinzione. In primavera fioriscono innumerevoli bucaneve, fritillaria meleagris, varietà particolari di tulipani e di giacinti e altre varietà fuori dal normale che non è facile trovare in un centro per il giardinaggio. 


Alberi storici

L’Hortus possiede più di cento specie particolari di alberi con un’età superiore ai 150 anni. Il primato è del maggiociondolo, piantato nel 1601! Vi sono inoltre diversi alberi che Philipp Franz von Siebold portò con sé dal Giappone nel XIX secolo. Alberi che fino a quel momento erano completamente sconosciuti in Europa. Anche l’albero dei tulipani di Herman Boerhaave, il più famoso ricercatore del XVIII secolo, è ancora al suo posto accanto all’ingresso. 


Victoria amazonica

La ninfea gigante (Victoria amazonica) è la ninfea con il fiore più grande al mondo. È un mito che questa pianta fiorisca solo una volta all’anno, in un’estate calda può fiorire quasi tutte le settimane. La cosa particolare è che il fiore si apre solo nel tardo pomeriggio e solamente per due notti: la prima notte è bianco con un delizioso profumo di ananas, la seconda notte è rosa e inodore. Ciò ha lo scopo, inizialmente, di attirare i coleotteri che devono impollinare i fiori e, successivamente, di farli trasferire su un altro fiore trasportando con sé un po’ di polline. La ninfea gigante dell’Hortus viene seminata ogni anno nel mese di gennaio e viene piantata nel mese di febbraio-marzo: è pertanto una gigantesca pianta annuale.


Le foglie di questa pianta sono così grandi da poter reggere senza problemi il peso di un bambino piccolo – ma per motivi di sicurezza durante i nostri servizi fotografici mettiamo sempre qualcosa al di sotto. Per una foto con una squadra di giardinieri su una di queste foglie occorre metterci sotto un’intera impalcatura!

Questa pianta fu scoperta in Amazzonia intorno al 1850 e diventò subito molto popolare: in numerosi giardini venne costruita un’apposita serra con stagno per la ninfea gigante. Più di cento anni fa fiorì per la prima volta nell’Hortus di Leiden. Victoria regia, una denominazione in onore della regina Victoria, non è dal punto di vista scientifico il nome corretto di questa pianta.

Amorphophallus titanum

Quando fiorisce l’aro titano (Amorphophallustitanum), l’Hortus è sottosopra. In natura la pianta viene impollinata dalle mosche, da qui il colore e l’odore pungente. La pianta è originaria della Sumatra Occidentale, ma cresce già da diversi anni nell’Hortus.
Siamo già riusciti a far crescere alcuni esemplari da semi di nostra produzione – a questo scopo il polline di una fioritura deve essere trasportato sui fiori femminili di un’altra, pertanto in una stagione è necessario avere due volte una pianta in fioritura. In seguito a un progetto di ricerca abbiamo avuto per un certo periodo quasi tutte le specie di questo genere, ma nel frattempo la maggior parte è stata trasferita in altri giardini botanici. Nelle nostre serre sono tuttavia ancora presenti numerosi arum (Araceae).

 

 

 

 

 

Bij ons leer je de wereld kennen